Saverio Mercati

Il suo lavoro di orientamento tipicamente concettuale spazia su vari aspetti della comunicazione, esprimendosi attraverso, la scrittura, la scultura, la fotografia, i video e l’installazione. Oltre a lavori espressamente multimediali, Mercati affronta il tema della provocazione realizzando opere composite con aspetti didattici ed un forte accento letterario. Il tema ricorrente è la sperimentazione e la elaborazione di nuovi linguaggi, ma anche la negazione dello stile inteso come matrice estetica ricorrente. La fotografia come gli altri media, il video, l’installazione, vengono usati come artificio linguistico e nascono da una esigenza intellettuale di carattere narrativo. Attraverso delle soggettive in apparenza semplici e con la complicità di raffinati inganni estetici, Mercati riesce a trasmettere all’immagine un senso di inquietudine profonda ed una destabilizzazione in termini di riferimento della realtà, oltre ad una spietata indagine sugli aspetti drammatici dell’esistenza e sulla raffigurazione della realtà.