Die Mauer Arte Contemporanea

Gianfranco Chiavacci - Pittura

Biografia

Gianfranco Chiavacci nasce il 1 dicembre 1936 e muore il 1 settembre 2011 a Pistoia, città dove ha sempre lavorato e abitato. Interessato all’arte fin da ragazzo, nei primissimi anni cinquanta inizia a dipingere, prima da semplice autodidatta osservando le opere del passato e poi, frequentando le mostre e sempre più l’ambiente artistico toscano, traendo ispirazione da quelle di arte contemporanea. Le sue prime opere pittoriche sono della metà degli anni cinquanta e mostrano un interesse per il clima informale di quegli anni e per la lezione dell’astrattismo internazionale che conosce tramite cataloghi e riviste. Si avvicina alle esperienze di arte visuale e cinetica con i cui esponenti viene in contatto a Milano e Firenze, in particolare nella Galleria numero di Fiamma Vigo, vivace luogo di dibattito sui problemi della ricerca artistica. Nel 1964 - 65, inizia un rapporto di amicizia e di collaborazione sul piano teorico con il conterraneo artista Fernando Melani che durerà fino alla morte di questi nel 1985. Nel 1962, per motivi di lavoro, inizia a frequentare i corsi IBM per programmatore e questo lo introduce al pensiero scientifico di cui si trova riscontro nei primi tentativi di mutuare il linguaggio informatico in pittura. L’impiego del linguaggio binario, sugli allora mastodontici elaboratori elettronici, e lo studio della sua logica trova applicazione già nei primi lavori del 1963. L’assunzione della binarietà, definita dall’artista stesso “come logica a due stati (da non confondere con la dualità o il dualismo) e come tecnica - processo strumentale per creare e indagare sperimentalmente il mondo formale attinente alla bidimensionalità” diviene nucleo fondante della sua ricerca teorica e operativa fino agli ultimi lavori del 2007 quando dichiara di essere giunto a uno stato conclusivo. L’artista non usa mai la macchina informatica per la produzione delle opere ma la logica binaria a essa inerente come processo logico - esecutivo; quindi il suo interesse non è per la tecnica ma per il pensiero che la sostiene. Le opere, quasi duemila, spaziano dalla pittura, realizzata con eterogenee tecniche classiche e sperimentali, a opere tridimensionali vicine alla scultura, da sperimentazioni materiche a interessanti indagini fotografiche, da piccoli libretti a diffusione limitata a episodi classificabili come mail-art. Vasta è anche produzione di testi teorici presentati autonomamente o in occasione di esposizioni personali

GF0044 -Ex opera 0026.

MOSTRE PERSONALI

2001 “Abitanti / Arte in relazione”, a cura di Marco Bazzini, Bruno Corà, Mauro Panzera, Palazzo Fabroni arti visive contemporanee, Pistoia 2004 “Gianfranco Chiavacci, Personale”, Galleria Vannucci, Pistoia 2004 “Sonde / 10 anni con gli artisti a Palazzo Fabroni”, a cura di Bruno Corà e Mauro Panzera, Palazzo Fabroni arti visive contemporanee, Pistoia 2008 “Gianfranco Chiavacci, personale”, Mac, Monsummano Terme (Pistoia) 2011 “Gianfranco Chiavacci ‘1970’”, Lato, in collaborazione con Die Mauer arte contemporanea, Prato 2012 “Gianfranco Chiavacci – Ricerca Fotografica”, a cura di Angela Madesani e Aldo Iori, Milan image art fair 2012, in collaborazione con Die Mauer arte contemporanea, Spazio Superstudio Più, Milano 2013 “Binaria”, mostra a cura di Gianluca Marziani e Piergiorgio Fornello, Palazzo Collicola arti visive, Spoleto 2014 “Fotografia Totale”, mostra a cura di Valerio Dehò, Palazzo Fabroni arti visive contemporanee, Pistoia 2015 “Materia fra logica e scienza” Gianfranco Chiavacci Andrea Marini, Galleria Die Mauer, Prato 2015 “Rigorosi, Rigolards…” Gianfranco Chiavacci Francois Morellet, mostra a cura di Alessandro Gallicchio, Galleria Die Mauer - Spazio Artforms, Prato2015 “Pieni e vuoti” la scheda perforata di jacquard e l’arte binaria di Gianfranco Chiavacci nel concerto a pianoforte del Maestro Andrea Nesti, Museo del Tessuto, Prato In collaborazione con Artforms e con il patrocinio del Comune di Prato 2015 “Sequenza per un giorno d’inverno” Gianfranco Chiavacci riflesso in 10 artisti contemporanei, a cura di Luca Sposato, Galleria Die Mauer, Prato 2016 “Gianfranco Chiavacci 1967” riproposta la prima personale di Chiavacci del 1967 presentata presso la Galleria Numero di Fiamma Vigo di Firenze, a cura di Alessandro Gallicchio, Galleria Die Mauer, Prato 2016 “Uno spazio tre personali, Chiavacci, Gori, Turco”, Galleria Die Mauer, Prato, in occasione dell’inaugurazione del Museo Pecci , New York 2018 "WORKS : 1957  - 2205 " Sous Les Etoiles Gallery, Torino 2020,presente nella mostra della Collezione Bertero “ Memoria e Passioni da Capa a Ghirri, capolavori della Collezione Bertero” Camera Torino, 2020 Milano "Beyaund Photography – La fotografia di ricerca in Lombardia e in Italia negli anni 70 “.